Tu sei qui: Home / Essere giovani a Modena / Voci dai gruppi giovanili / Al Frozen con il progetto BOB e gli operatori di Buonalanotte

Al Frozen con il progetto BOB e gli operatori di Buonalanotte

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 12/02/2018 17:36
La seconda serata del progetto BOB alla discoteca Frozen di Modena

È venerdì 17 e contro ogni superstizione siamo al Frozen per la seconda delle 8 serate BOB previste per questi ultimi due mesi del 2017 che vedono il coinvolgimento di 5 locali di Modena afferenti al Silb (Sindacato Italiano Locali da Ballo): La Crepa, Il Frozen, Il Baluardo, Il Kyi e lo Snoopy. Le serate Bob sono serate particolari in cui al BOB, ovvero alla persona che in discoteca si impegna a non bere alcol facendosi carico di trasportare a casa in tutta sicurezza gli amici, viene riconosciuto un premio. Prima di uscire dai locali aderenti al progetto ciascun ragazzo o ragazza "Bob" potrà verificare il proprio tasso alcolico grazie alla presenza sul posto di operatori del progetto Buonalanotte dotati di etilometro. Se il tasso è pari a zero grammi/litro viene consegnato subito al sobrio giovane o alla “no alcool-girl” un premio che può variare a seconda degli accordi presi col gestore del locale stesso.

Per questa particolare serata, in realtà, il gestore non è stato in grado di individuare alcuna premialità, così abbiamo proposto ai soggetti Bob di scegliere tra l'offerta di buoni Taxi, di torce a dinamo (si accendono caricandole a mano) o di porta chiavi.

 

Al Frozen da alcuni mesi c'è una nuova gestione e questo cambiamento risulta evidente dopo circa un'oretta, durante la quale è possibile notare come la tipologia di cliente sia meno eterogenea rispetto a quanto si poteva riscontrare meno di un anno fa, quando era possibile incontrare un pubblico molto variegato di giovani ed adulti tra i 18 ed i 45 anni con look che spaziavano dall'elegante allo sportivo, dal tamarro al trash, mentre ora tutto appare molto uguale e ripetitivo.

All'ingresso ci accoglie il nuovo gestore del locale, Gepa, come preferisce farsi chiamare. La postazione che ci offrono per il progetto è ottima: ampia, vicino all'ingresso/uscita, ben visibile ed illuminata pur se debolmente. Purtroppo il locale non è molto grande e il volume della musica non agevola l'interazione con coloro che si avvicinano alla banchetto.

 

Già dopo un'ora ecco che si avvicinano i primi interessati; si tratta di 2 ragazze che sanno già che avranno un risultato pari a zero, ma non hanno mai fatto l'alcol test e sono curiose di sapere come funziona: “mio padre lavora nella polizia, se sa che bevo e guido mi spacca la testa”, ci dice una delle due. Purtroppo è ancora presto per dare dei premi, sono appena arrivate … anche se, a fine serata, ad una delle due che accompagnerà a casa un amico consegneremo una delle nostre richiestissime torce a dinamo.

 

Nel complesso la serata evidenzia una discreta partecipazione da parte degli avventori: l'età varia dai 19 ai 44 anni. Tredici sono i maschi che si sono sottoposti alla prova, mentre sette le prove fatte dalle ragazze. Tra coloro che hanno effettuato l'etilometro, in tre hanno voluto ripetere la prova a distanza di un'ora e uno di questi ha mostrato una diminuzione del proprio valore iniziale, mentre gli altri due, contrariamente alle iniziali intenzioni dichiarate (di non bere più nel corso della serata), hanno comunque continuato a consumare alcolici.

Sei persone su 11 che hanno dichiarato di dover guidare, hanno mostrato alla prova dell'etilometro valori al di sotto dei limiti previsti dalla legge (che ricordiamo essere 0.00 g/l per i neo patentati e 0.50 g/l per chi ha la patente da più di tre anni); dei restanti 5, che hanno evidenziato livelli al di sopra del limite, solo uno dichiara di voler guidare comunque, mentre gli altri scelgono di aspettare lo smaltimento dell'alcol (occorre circa un'ora per smaltire 0.15 g/l) o di utilizzare i buoni taxi che gli proponiamo, dimostrando di essere responsabili, nonostante la scelta di bere pur avendo l'auto.

In tutta la serata BOB sono 3 i premi che abbiamo distribuito: un buono taxi, una torcia e cinque preservativi (il BOB in questione ha rifiutato le altre premialità).

 

Nel complesso si è trattato di una serata positiva, in cui i giovani contattati hanno mostrato comportamenti responsabilii, come ad esempio quello del ragazzo che decide di tornare in taxi e di non rimettersi al al volante della propria auto in condizioni critiche per sé e gli altri.

A volte anche una scelta semplice, ma per nulla scontata, come quella di lasciare il proprio mezzo per prendere un taxi può fare la differenza.

 

Le serate Bob torneranno in primavera 2018!

Ricordate “se bevete non guidate e se dovete guidare non bevete”!

 

 

Articolo a cura di  Franco Mazzotti ed Angela Tortora

Cooperativa Sociale Il Girasole

Novembre 2017

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici

 

MakeIt Modena_logo