Tu sei qui: Home / Libri / “Le ragazze invisibili”, Henning Mankell

“Le ragazze invisibili”, Henning Mankell

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 22/12/2017 08:45
“Non sopporterei di non ridere di cuore almeno una volta al giorno. “Le ragazze invisibili” ha offerto spazio alla vena satirica che porto dentro di me”

C’è una citazione dello stesso Mankell, del nostro amato Mankell, nella quarta di copertina de “Le ragazze invisibili”, appena pubblicato dalla casa editrice Marsilio (preciso subito: non è un libro di Mankell uscito da un cassetto per un gioco di prestigio, in Svezia è stato pubblicato nel 2001). “Non sopporterei di non ridere di cuore almeno una volta al giorno. “Le ragazze invisibili” ha offerto spazio alla vena satirica che porto dentro di me”.


Ridiamo spesso anche noi, leggendo “Le ragazze invisibili”. Almeno finché raggiungiamo la metà del libro, finché si accumulano le parole di Leyla, Tanja e Tea-bag, si aggiungono dettagli alle loro storie e allora la nostra risata si spegne, l’umorismo della prima parte si smorza, la commedia diventa tragedia e però, in qualche maniera, c’è sempre un guizzo di humour ad alleggerire il peso di quello che veniamo a sapere.

 

Il protagonista è Jesper Humlin, poeta noto e rispettato ma molto poco venduto. Le protagoniste sono tre ragazze immigrate da paesi diversi, in fuga da realtà che hanno solo l’atrocità in comune. Protagonista del romanzo è il mondo nuovo in cui viviamo dove nuove realtà si impongono alla nostra consapevolezza.

 

Humlin incontra per caso le tre ragazze a Göteborg, dove è andato per una presentazione, e si lascia coinvolgere in un corso di scrittura. Lui è recalcitrante, ci sono dei malintesi, l’episodio iniziale che ci fa ridere, di Jesper Humlin che finisce in ospedale perché ha sfiorato la guancia di una ragazza, è il segnale della distanza fra due culture -quella dei paesi ricchi occidentali ha una sordità selettiva nei confronti di quella dei paesi meno fortunati. Che non hanno le parole per farsi intendere. Ecco, bisogna dare una voce agli immigrati, bisogna farli uscire dall’ombra e dal mutismo, per far sapere le loro storie, per non lasciar pensare che sono degli invasori che vanno ricacciati indietro. Humlin ascolterà le ragazze parlare, con il pretesto del corso di scrittura.

 

Non si può parlare di romanzo di formazione con un personaggio che non è certo un ragazzino. Eppure c’è una lenta evoluzione in Jesper Humlin i cui problemi maggiori sono come gestire una madre quasi novantenne (ardita, però, la signora che fa sesso telefonico a pagamento per clienti anziani), una fidanzata che vorrebbe avere un figlio da lui (ma Humlin è l’eterno immaturo), un editore che lo spinge a scrivere un thriller di cui ha già divulgato il titolo ai giornalisti. Alcune scene sono esilaranti, ridiamo. Tutto acquista un’altra proporzione quando Leyla (viene dall’Iran), Tanja (di Smolensk), Tea-bag (arriva da un paese africano) incominciano a trovare le parole  per le loro storie. Non importa il paese di provenienza, oltre a sfondi di guerre c’è sempre la violenza odiosa sulle donne -stupri, acido sfigurante, prostituzione forzata- e poi, quando, dopo vicissitudini infinite, sono finalmente arrivate nella Terra Promessa, si sono trovate ad affrontare una montagna di altre difficoltà. Prima di tutte quella di acquistare un’identità. Come, però, se, dichiarando quella vera, sarebbero rimpatriate? Equivarrebbe ad una sentenza di morte.

 

C’è il Mankell che conosciamo, dietro la figura di Jesper Humlin che non pensa al successo e alle vendite quando decide che sarà lui la voce delle ragazze, sarà lui che le renderà visibili e le farà uscire dall’ombra. Perché, da questo romanzo di ombre, di ragazze invisibili dai molti nomi e dai molti passaporti, è l’ombra di Henning Mankell, morto troppo presto, nel 2015, che balza fuori a riempire un vuoto. La sensibilità di Mankell ai problemi della nostra società, la sua lungimiranza e la sua coerenza di idee e narrativa sono stupefacenti se pensiamo che è trascorso quasi un ventennio da quando ha scritto “Le ragazze invisibili”. Speriamo che le nostre parole di ammirazione e stima lo raggiungano, dovunque la sua ombra si aggiri.

 

Ed. Marsilio, trad. Giorgio Puleo, pagg. 314, Euro 18,00

 

Recensione a cura di

Marilia Piccone

leggerealumedicandela.it

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici