Tu sei qui: Home / Mosaico / Mosaico / Interviste / NOI SIAMO CITTADINI DEL MONDO!

NOI SIAMO CITTADINI DEL MONDO!

creato da La redazione ultima modifica 18/06/2014 13:58
Tre adolescenti di origini marocchine ci raccontano la loro non-appartenenza ad una nazione sola

In un soleggiato pomeriggio di Maggio, presso i Giardini Ducali, luogo frequentatissimo dagli adolescenti per incontrarsi con i coetanei, tre ragazzi ci raccontano dei loro pomeriggi trascorsi a conoscere nuovi amici, dove l'importante non è da dove vieni ma come sei!

 

Hanno 16 anni, e provengono tutti e tre dal Marocco. Uno di questi è nato in Francia; i suoi genitori si sono trasferiti lì quando erano giovani. L'appartenenza etnica non sembra essere, per lui, un fattore determinante: “Io non mi sento né italiano, né francese, né marocchino”, ci racconta, “Noi siamo cittadini del mondo! Non importa da dove vieni. Ciò che conta è come sei fatto, se sei una brava persona!”

 

Scarpe colorate, cappellino sulla testa, jeans strappati, cuffie per ascoltare un po' di musica, pelle di diverso colore... Ciò che li accomuna è la voglia di stare insieme e di conoscere nuove persone con cui condividere passioni ed esperienze.

 

Uno vorrebbe fare il sarto, ama le attività manuali come l'arte o i laboratori creativi; l'altro il meccanico, per stare a contatto con le macchine, la sua grande passione. Il terzo si accontenterebbe di un lavoro che possa mantenere la sua famiglia. Ragazzi giovani che pensano al proprio futuro!

 

Intorno a loro altri gruppi di ragazzi, seduti sull'erba a ridere e chiacchierare, formano un continuo vai e vieni di giovani che si salutano dandosi una pacca sulla spalla in segno di amicizia.

 

Poco dopo anche i ragazzi sono raggiunti da altri amici ed insieme si incamminano verso nuove mete, lasciandoci traccia, con una fotografia scattata dallo smartphone, del tempo che ci hanno dedicato.

 

La testimonianza dei quattro ragazzi è stata raccolta dagli operatori del progetto Infobus Elena Ferraguti e Fabiana Fuoco nell'ambito del progetto mosaico.

Testo a cura di Elena Ferraguti