Tu sei qui: Home / News / Festival della Migrazione: a Modena dal 20 al 22 ottobre

Festival della Migrazione: a Modena dal 20 al 22 ottobre

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 16/10/2017 08:46
Tre giorni di dibattiti, convegni, presentazioni e spettacoli teatrali per andare oltre i luogi comuni e svelare il vero volto dell'immigrazione.

Entrare nel vivo del tema della migrazione, sviscerarlo, approfondirlo, svelarne il vero volto per andare oltre i luoghi comuni. È questo l'obiettivo del Festival della Migrazione 2017, promosso dalla Fondazione Migrantes e dalle Associazioni Porta Aperta e IntegriaMO, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Modena e dell'Università di Modena e Reggio Emilia, che dopo il grande successo ottenuto nel 2016, torna quest'anno con un'Edizione (la seconda) ancora più ricca.

 

"Diritto al viaggio: noi e loro. Partire, arrivare e restare" il tema scelto quest'anno, che un'ampia e prestigiosa platea di relatori svilupperà nel corso di un percorso a tappe lungo tre giorni, da venerdì 20 a domenica 22 ottobre, secondo un'ottica trasversale e interdisciplinare che abbraccerà svariati aspetti e ambiti di riflessione: da quello socio-antropologico a quello giuridico, da quello politico a quello artistico.


CONOSCERE, RIFLETTERE, ASCOLTARE

Tanti gli eventi da segnare in agenda a partire da venerdì 20, giorno di apertura della Rassegna, quando presso il Centro Famiglia di Nazareth - dopo i saluti di rito del Primo Cittadino Gian Carlo Muzzarelli, del Prefetto di Modena Maria Patrizia Paba e del Rettore dell'Università di Modena e Reggio Emilia Angelo Oreste Andrisano, si terrà l'incontro dal titolo "I migranti nella rete dei media" con la giornalista italo-cilena Pula Baudet Vivanco, segretaria dell'Associazione Nazionale Stampa Interculturale, a dare un tocco di internazionalità all'evento. Alle 20:00, a La Tenda, proiezione  invece della pellicola "Influx", storie di ragazzi e ragazze italiani che vivono o hanno vissuto a Londra, tra gioie, delusioni, speranze e sacrifici in un'auto analisi emotiva profonda e toccante. Al termine della proiezione (alla presenza del produttore e regista Luca Vullo), spazio alle opinioni all'interno del dibattito a più voci "Mobilità italiana oggi: alla ricerca di un futuro felice?" che vedrà gli interventi di Cristina Pasqualini, Osservatorio Giovani Istituto Toniolo, Maria Chiara Prodi, Consigliere Generale Italiani all'Estero e Loredana Cornero, Segretaria generale della Comunità Radiotelevisiva Italofona presso la RAI.

 

Fede e laicità saranno invece i temi al centro dello spettacolo teatrale "Leila della Tempesta", di Ignazio De Francesco, che andrà in scena sabato 21 alle 21:00 al Teatro Tempio di Via Caduti in Guerra, mentre di disuguaglienza, povertà, e migrazione si parlerà nel convegno in programma alle 15:30, al Dipart. di Giurisprudenza e che si aprirà con i saluti del Segretario Generale della CEI, Mons. Nunzio Galatino.

 

La terza e ultima giornata di lavori si aprirà infine con un incontro dal titolo "Il diritto al viaggio" che vedrà la partecipazione, tra gli altri, dell'Europarlamentare ed ex Ministro dell'Integrazione Cécile Kyenge oltre al Presidente della Regione-Emilia Romagna Stefano Bonaccini. L'arte come strumento di integrazione e inclusione sociale, tra musica, balli, racconti e poesie,  sarà invece l'argomento di discussione dell'incontro "Cerchio di condivisione", a cura di Artemigrante, che si terrà alle 20:00 presso la sede dell'Associazione di volontariato Porta Aperta.


DARE VOCE A CHI NON NE HA

Nel calendario degli appuntamenti, grande spazio occuperanno poi le storie e le testimonianze di chi ha accolto ma soprattutto di chi è stato accolto, con incontri a tema rivolti a tutta la cittadinanza. Tra questi segnaliamo quello che si terrà giovedì 19 ottobre al Palazzo Europa di Via Emilia Est, a partire dalle ore 18:30, e che avrà come protagonista la scrittrice Irene Ciambezi, autrice del libro-inchiesta "Non siamo in vendita. Schiave adolescenti lungo la rotta libica. Storia di sopravvissute", in cui attraverso documenti e testimonianze dirette, racconta la terribile piaga del traffico di ragazzine e bambine portate clandestinamente nel nostro Paese per essere sfruttate e introdotte, con l'uso di metodi spesso coercitivi e violenti, alla droga e alla prostituzione.

 

POST FESTIVAL

Denso di eventi davvero interessanti anche il programma del post Festival con iniziative calendarizzate fino a febbraio 2018. Tra questi segnaliamo la Mostra interattiva "In fuga dalla Siria", in esposizione dal 20 al 28 ottobre al Centro Famiglia di Nazareth di Modena e dal 13 al 17 novembre negli spazi dell Scuola CFP Nazareno di Carpi. La Mostra, rivolta in particolare agli studenti di Scuola Superiore, approfondisce le condizioni delle persone che scelgono di mettersi in viaggio verso un futuro migliore ed è promossa dalla Fondazione Migrantes e dalla Caritas di Carpi.

 

S'intitola invece "La Costituzione in comune. Un percorso interculturale di scoperta dei valori fondanti della Carta Costituzionale in cui tutti possono riconoscersi" l'evento organizzato dal Comune di Modena in collaborazione con le Associazioni e comunità religiose di Modena e il Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità (CRID), che si terrà martedì 24 ottobre, alle ore 21:00, al Lighthouse Chapel di Via Salgari. Ospiti l'Ass. alla Coesione Sociale, Sanità, Welfare, Integrazione e Cittadinanza del Comune di Modena Giuliana Urbelli e il Professore di Istituzioni di Diritto pubblico di UNIMORE Simone Scagliarini.

 

 

Per visualizzare o scaricare il programma completo della Manifestazione clicca qui.


 

CONTATTI

Festival della Migrazione | MODENA

Tel. 059 7874898

eMail segreteria@festivalmigrazione.it






La Redazione

13 ottobre 2017

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici

 

MakeIt Modena_logo