Tu sei qui: Home / Sesso e volentieri / RAPPORTI SESSUALI / Rapporti sessuali e piacere / Non riesco più a raggiungere l'orgasmo col mio ragazzo.. Da cosa può dipendere?

Non riesco più a raggiungere l'orgasmo col mio ragazzo.. Da cosa può dipendere?

creato da La redazione ultima modifica 01/06/2014 20:57

Gent.mo Esperto, da qualche mese non riesco più a raggiungere l'orgasmo quando ho rapporti col mio ragazzo (stiamo insieme da 9 anni). Non ho mai avuto problemi o disfunzioni.

Fino a qualche mese fa non ci sono mai stati problemi nei rapporti. Da qualche tempo non lo sento più come prima. Per farLe capire meglio, prima stavo sopra di lui vicino al suo viso e raggiungevo l'orgasmo. Ora devo assumere un'altra posizione per cercare l'orgasmo, cioè stando più dritta e a 90° rispetto a lui e non sempre ci riesco. Da cosa può dipendere?

Con la stimolazione clitoridea non ci sono problemi a raggiungere l'orgasmo.

Nell'ultimo periodo ho visto un cambiamento nel ciclo. Non sono mai stata regolare (33-35giorni circa) e ora sono diventati 28 giorni perfetti. Può esserci una correlazione?

Qualche mese fa il mio ragazzo si è rotto il naso a causa di un malore. Può essere un blocco psicologico il mio, a causa dello spavento?

La ringrazio e aspettando una Sua risposta, La saluto cordialmente.

 

Salve. Non trovo particolari correlazioni tra le differenze del ciclo e la difficoltà a raggiungere l'orgasmo. Difficoltà che leggo sopraggiunta durante la penetrazione e non nella stimolazione clitoridea.

E' possibile che sia intervenuto qualcosa di psicologico-ralazionale, ma si spiega poco il fatto che continui comunque ad avere l'orgasmo con la stimolazione. Piuttosto, scrivi di sensazioni fisiche date da diverse posizioni durante l'atto e di una certa preoccupazione che potrebbe fomentare le difficoltà. Considera possa essere solo un periodo e che possa essere un incentivo per variare qualche cosa nel modo in cui siete in intimità.

Se tra qualche tempo, nonostante proviate cose diverse, non succede nulla, ti consiglio di rivolgerti al consultorio o di parlarne con la tua ginecologa, chiedendo un parere per un'eventuale consulenza psicologica.

Saluti.


Dr.ssa Claudia Galli

Psicoterapeuta e sessuologa

Modena

 

04.03.2012